domenica 6 aprile 2008

Pasticcerologia comparata


Dopo un pomeriggio di ricerche e comparazioni tra diverse ricette nei miei blog preferiti ho messo a punto la crostata.
Un po' per scommessa, un po' perchè in effetti troppe porole e pochi "piatti", alla richiesta dei miei colleghi di portare l'innumerevolmente citata torta al cioccolato, poiche' in cucina sono come Paganini "non ripeto", ho deciso di provare una nuova ricetta.
Volevo comunque proporre qualcosa di cioccolatoso e goloso... ma non troppo. Una crostata crema di ricotta e nutella, con pere alla cannella, mi è sembrato un buon compromesso tra la torta casalinga e qualcosa di obbiettivamente godurioso... cioccolato e pere!!!
Allora scopiazza di qua e scopiazza di là... et voilà:

Ingredienti
per la pasta frolla (6 porzioni):

200 g di farina
100 g di burro morbido
100 g di zucchero
scorza grattuggiata di limone (non trattato)
2 tuorli
1 pizzico di sale

per il ripieno:
1 o 2 pere Kaiser (dipende dalla grandezza)
nutella (dipende da quanto si è golosi, io ho messo due cucchiai colmi)
350 g di ricotta di pecora
cannella q.b.
3 cucchiai di zucchero di canna

Tagliare a spicchi la pera e condirla con lo zucchero di canna e la cannella.
Lasciare riposare il tutto e cominciare a preparare la pasta. Amalgamare il burro morbido con lo zucchero, aggiungere una per volta i tuorli, la farina setacciata a pioggia e le scorze di limone.
Amalgamare l'impasto e non lavorarlo troppo, altrimenti ne viene compromessa la friabilità.
Dopo aver preparato un panetto, farlo riposare in frigo per almeno un'ora.

Stendere la pasta con uno spessore di un centimentro, disporre le pere condite a raggiera e versare sopra la crema.
Infornare per circa 40 min. a 180 gradi.
VARIAZIONI SUL TEMA
  • Nel caso in cui i rimorsi di coscienza vi assillino o, caso remoto, non amiate la nutella, io consiglierei anche una versione in bianco. Alla ricotta, ben lavorata aggiungere della vaniglia (i semini di metà stecca), dello zucchero di canna q.b., e delle noci tritate grossolanamente, un po' di scorza di limone. Per il resto attenersi alla ricetta madre!

7 commenti:

Gatta ha detto...

è solo una prova in attesa di una valanga di commenti in arrivo!!!! magari!

Francesco ha detto...

Avendo gustato questa buonissima crostata,spero che stavolta "Paganini" si ripeta...
Complimenti
Francesco

Roberto Khatpà ha detto...

Io, invece, che non l'ho assaggiata, gradirei che Paganini facesse anche qualche concerto nella sua cuccia! Il gatto geloso...
Comunque le torte precedenti erano sensazionali. Viva la micia!

viviana ha detto...

Per favore pensiamo anche agli intolleranti!!!
By delfino geloso

Elle ha detto...

allora caro delfino geloso la luna in mercurio e venere in saturno ti consigliano de datte da fa!!!!!

Vi ha detto...

Io sono tra i pocbi eletti che hanno avuto il piacere di assaggiarla....... la crostata!!!!!Ed era gustosissima!!!!!!!!!!!!!!!!!!!
dal profumo di cannella al colore caldo del cioccolato, la giusta alchimia per soddisfare vista e palato!!!Promossa a pieni voti!!!A porposito, mi candido volentieri come cavia per le prossime volte!!!!

Guhn ha detto...
Questo commento è stato eliminato da un amministratore del blog.